Presenze animali

Sono nata e cresciuta in campagna. La mia casa si trovava letteralmente tra i campi e per andare a scuola o prendere l’autobus dovevo per forza farmi accompagnare in auto (la bici era impensabile, 3 kilometri tra le colline). Prima di trasferirmi in “città” all’estero sono quindi sempre stata abituata a vivere con animali, nel senso che noi cugine l’estate la passavamo nella casa dei miei nonni, tra cani, gatti, pulcini, galline, conigli, maiali e anatre. Negli ultimi 10 anni, poi, ci siamo trasferiti ancora di più sui colli bolognesi, in una casa di fianco al bosco, dove sono normali gli appuntamenti con cinghiali, caprioli, lepri, fagiani e vipere. Quindi, sebbene possa ancora balzarmi il cuore alla vista di una cimice, cerco di mantenere i nervi saldi di fronte alle nuove situazioni che mi propone l’isola. Vivere a Minorca mi ricorda un po’ la mia infanzia. Ovunque vi girate, avrete contatti con animali (siamo pur sempre nel bel mezzo di un’isola che è riserva della Biosfera); non parlo però solamente di animali d’allevamento. Per sdrammatizzare alcuni momenti di stress acuto e voglia di scappare, vi elenco un paio di “specie” che potreste incontrarvi. Siate pronti a tutto.

  1. Guidando per la carretera general

DSC02373_logo

IMG_0155_logo

Partiamo con gli animali più innocui: mucche, pecore, capre, cavalli, tutti d’allevamento e belli felici al pascolo, visto che hanno a disposizione praticamente tutta l’isola. Non vi spaventate se trovate capre libere in spiaggia, o mentre passeggiate per il Camí de Cavalls (qualcuno avrà lasciato aperto il cancello), oppure se mucche vi bloccano la strada mentre raggiungete le calette; a noi è addirittura capitato di trovare pecore dare alla luce nel Barranco d’Algendar e di vedere cavalli allo stato brado! Impagabile.

DSC01541_logo

DSC02421_logo

  1. La strada è pericolosa

Punto un po’ splatter. Sapevate che a Minorca ci sono i ricci?? Io era da quando ero bambina che non ne vedevo uno. Ci giocavo nel prato di casa e spesso il loro destino era segnato dalle macchine sulla strada. Ecco, qui ne ho visti tanti, purtroppo stessa fine che in Italia.. Lo stesso succede a conigli (tutti selvatici), topi, gabbiani e piccioni.

  1. Volatili spavaldi

Il nostro primo anno insieme a Minorca, io e il Pescatore abbiamo avuto il piacere di scoprire cosa vuol dire vivere in un “barranco”, circondati da boschi di pini e dal “rio”. Eravamo a Cala Galdana, in una casa al primo piano, ma questo non ha tenuto le presenze animali lontane. Una mattina mi svegliai con la sensazione di movimenti e rumori in salotto. Preoccupata, mi diressi in cucina..e mi trovo un passerotto che chissà come era entrato in casa (poi scoprimmo dal camino!) e che non riusciva più a trovare la via d’uscita. Il salotto dava alla terrazza mediante una grande vetrata, che l’uccellino tentava invano di attraversare. I miei gridi d’aiuto hanno svegliato il Pescatore che ha, per fortuna, salvato il povero passerotto, ormai tramortito dai continui colpi contro la finestra. Da quel momento avvertimmo il padrone di casa che chiuse il comignolo del camino con una rete. Un avvertimento: nelle case vecchie (cioè quasi tutte) la cappa d’aspirazione della cucina(non quella elettrica, ovviamente) dà direttamente all’esterno, senza che ci sia un filtro o rete. Questo significa che, se volete evitare c****e di uccellini sul fornello mentre cucinate, vi consiglio di chiuderla con un cartone o altri mezzi. Ah, dimenticavo. In spiaggia non abbiate la malsana idea di dare da mangiare ai gabbiani. 1) perchè fate loro un danno di salute, 2) perchè vi attaccheranno -spesso si lanciano in picchiata e vi rubano il cibo dalle mani!-.

  1. Gli acchiappa-insetti per eccellenza

A Cala Galdana, una sera la passai rincorrendo la nostra cara Susi che tentava di intrufolarsi tra le mie lenzuola, dopo essere caduta dal soffitto. Così avevamo chiamato il nostro “animale domestico”, un geco –presenza fissa a Minorca- che abitava le pareti della nostra entrata, cibandosi di zanzare e insetti. Ora, nella nostra nuova casa a Ciutadella, ci fanno compagnia costante 4 o 5 gechi, che hanno deciso di stabilirsi al lato del bidone dell’umido (terreno perfetto per cacciare moscerini senza spostarsi di un centimetro).

DSC00744_logo

  1. Le inevitabili, con ogni mezzo

Sempre nella nostra casa a Cala Galdana, quel luglio 2011 è rimasto impresso nella mia mente per l’invasione di formiche. Iniziarono ad entrare dai buchi tra le fughe delle piastrelle della cucina e non c’era modo di fermarle. Il massimo è stato quando mia mamma in vacanza da noi preparò una torta salata e la lasciò per poche ore in microonde. Quando il Pescatore affamato tornò a casa e aprì il microonde con l’acquolina in bocca, vide solo una massa nera. Preso da un raptus di nervi, accese il microonde e fece un “formicidio”. Da allora incominciammo a chiudere in sacchetti di plastica ogni minima cosa. Per liberarci del problema formiche, la mia cara ex-capa (che vive a Cala Galdana ed è afflitta dallo stesso problema) ci consigliò lo Zum, l’unico spray efficace al 100% che le tiene lontane per un anno.

  1. Presenze notturne

Cala Galdana, questa volta nell’ultima casa d’inverno, ci ha offerto la possibilità di vedere un pipistrello. Si era addormentato (forse in letargo) nel cassetto della cenere della stufa. Tentammo di salvarlo, ma lasciarlo fuori in pieno inverno e alla portata di gatti…non so se alla fine sia sopravvissuto.

  1. La piaga dei pini

DSC03664_logoDSC03665_logo

Se passeggiate ad inizio stagione per il Camí de Cavalls o vivete vicino a dei pini, fate attenzione alle “Orugas”, scientificamente conosciute come Processionaria del pino (indovinate perché si chiama così). Scendono dai rami con delle specie di ragnatele e non sono proprio belle da vedere, oltre che produrre una sostanza urticante.

  1. Gatti molesti

Vi metto in guardia nel caso in cui abbiate un giardino e vicini con gatti. O meglio: vicini che adottano gatti di tutto il quartiere, danno loro cibo ma non forniscano loro di lettiere. Nella nostra casetta di Cala’n Bosch è stato impossibile coltivare un orto senza la presenza costante di c****e di gatto. Abbiamo tentato di tutto: bottiglie piene d’acqua, terra rivestita da sacchetti della spazzatura, resti di palma secchi. Niente da fare, non siamo riusciti ad allontanarli.

  1. Ma perché ci sono anche qui??

Il clima caldo e umido non aiuta. Pensavo di averle finalmente lasciate a New Orleans, ma purtroppo le “cucarachas” qui sono a casa. Avete la scelta tra quelle piccole piccole, infestanti, e quelle grandi che volano. A Cala Galdana non ne abbiamo mai viste, a Calan Bosch forse una, mentre per le strade di Ciutadella…beh, state attenti quando passeggiate di sera, amano i luoghi bui!

  1. Piranha a Minorca?

A Minorca non vi salverete neanche in acqua. Non so come mai, ma spesso ci sono pesciolini che tenteranno di assaggiarvi. Era uno dei motivi per cui non facevo il bagno volentieri, sempre attenta all’avvicinamento pesci. Quest’anno pensavo di essere riuscita ad evitarli, ma settimana scorsa a Son Xoriguer ho avuto la prova. Un pesciolino si è avvicinato furtivo, mi ha dato un morso, io ho spostato il polpaccio e lui ha letteralmente attaccato di nuovo! Leggendo recensioni su internet ho avuto la prova che non attaccano solo me.

  1. Presenze animali

La classifica quasi quasi la vince la presenza misteriosa. Una settimana fa, per due notti di seguito, abbiamo trovato la frutta mezza mangiata. In una ciotola su un tavolino di mezzo metro. Viviamo al piano terra e dormiamo con porte e finestre aperte, in più diamo sul giardino. Abbiamo ipotizzato un gatto, un topo, un pipistrello o un uccellino. Fatto sta che nella trappola per topi non c’è ancora finito niente e la frutta adesso occupa un posto irraggiungibile (è sopra il frigorifero, a 2 metri da terra) se non da un essere che vola o da un gatto. Vi terrò aggiornati se scopriamo che cos’è.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...