Es Barranc

Ormai mancano poche settimane alla fine “ufficiale” della stagione. Stagione che un tempo iniziava il 1 di maggio e terminava il 31 di ottobre, sebbene ad oggi, gli hotel che rimangono aperti 6 interi mesi si contano davvero sulla dita delle mani.

Passeggio per le urbanizzazioni e, da un giorno all’altro, i ristoranti sono chiusi, trovo parcheggio senza difficoltà, non c’è gente in spiaggia dalle 18 in poi, italiani spariti, le piscine degli hotel hanno visto una riduzione drastica di clienti e addirittura molti hotel chiudono i battenti. “Que tengas un buen invierno y hasta el año que viene”, così mi salutano i lavoratori stagionali.

Come ha fatto a volare così in fretta?

Certo, il tempo non aiuta ad allungare la stagione. Dopo la tempesta (c’è chi parla di uragano) di mercoledì scorso, le temperature si sono abbassate e nello stesso giorno è normale sperimentare pioggerellina, sole e 30 gradi, addirittura grandine.

Quindi: adesso che facciamo negli ultimi giorni liberi che ci rimangono (“ultimi” per modo di dire, nel senso mentre lavoriamo, perché dall’1 di novembre saremo in costante modalità “giorno libero”), se non possiamo andare in spiaggia?

Sabato ne abbiamo approfittato per un giro al Recinto Ferial di Es Mercadal, che, a quanto pare, ospitava una fiera “sposi”. Ora, se come me l’aveste visitata con l’illusione di vedere una normale fiera, sareste tornati a casa delusi.

Dimenticavo che siamo a Minorca.

Già.

Il piano era quello di stare 2-3 orette, ma dopo 45 minuti avevamo già visto tutto; sulla via di casa, siamo scesi a Cala Galdana per una passeggiata lungo la spiaggia. Ore 19, i lettini e gli ombrelloni già raccolti, qualche inglese che passeggiava verso un bar per il drink dopo cena, alcune famiglie locali che si divertivano a rincorrere i propri figli in spiaggia. L’umidità, come sempre, era alle stelle, colpa anche del vento del Sud che sta soffiando questa settimana sull’isola.

Siamo rimasti scioccati dalle condizioni della Cala dopo la tempesta. Come confermato dai locali, il Rio aveva accumulato tanti detriti (foglie, rami e alberi) da intasare il ponticello di legno, e, non potendo più passare, l’acqua ha straripato, portando fango rosso ovunque, raggiungendo i ristoranti sulla via Serpentona lungo il Barranco e sommergendo le auto parcheggiate fino alle ruote. Il Rio ha poi ripreso il suo corso naturale (quello che aveva prima che venisse desviato negli anni ’70, vedi foto del post) entrando in spiaggia e lasciando la forma di un fosso nella sabbia.

Erano le 20 e non volevamo tornare, così ci siamo fermati da Es Barranc per cenare (questa volta, in orario italiano) e con mio piacere, era ancora attivo il menù “Mostra de Cuina Menorquina”, evento che dura una settimana e che permette di assaggiare i piatti minorchini di ristoranti spesso cari, a prezzi molto accessibili.

Il ristorante si trova lungo la via Serpentona (quando scendete il ponte, alla rotonda girate a destra), quasi verso la fine. Non è quindi, in posizione privilegiata, ma merita una fermata se vi trovate in zona. Almeno, state sicuri, mangerete buon pesce. Noi ci siamo concessi un menù di pesce e uno di carne. Riconosco che la presentazione dei piatti non distacca per l’originalità, ma è un ristorante con ottimo rapporto qualità-prezzo. Questi sono i piatti che abbiamo assaggiato, per meno di 50€.

Cozze di scoglio alla piastra con alioli_logo
Cozze di scoglio alla piastra con alioli
Croccante di sobrassada e formaggio di Mahon con miele
Croccante di sobrassada e formaggio di Mahon con miele
Filetto di tonno con salsa di capperi
Filetto di tonno con salsa di capperi
Entrecot con salsa al pepe
Entrecot con salsa al pepe
Torta di torrone
Torta di torrone “Es Barranc”
Torta meringa e crema
Torta meringa e crema
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...