Mongofre

“Now it’s time when the locals have their island back”

Una turista inglese, in partenza in aeroporto

Era da tanto tempo che volevo scrivere di questa spiaggia. Più che altro era da tanto tempo che tentavo di vedere questa spiaggia con il sole!

Infatti, sembrava che le uniche due volte che c’eravamo stati, avevamo preso pioggia e freddo.

Questa è decisamente una spiaggia da “minorchini”, perché non la troverete in nessuna guida turistica.

mapa Mongofre

Un mio ex collega aveva pubblicato foto su facebook ed io ero rimasta affascinata dal paesaggio tanto che, insistendo a lungo, sono riuscita a farmi spiegare (più o meno) come arrivarci. Si trattava delle saline di Mongofre (una delle 7 meraviglie del Camí de Cavalls) e della spiaggia di Mongofre, a nord, tra Addaia e Favàritx.

DSC00911_logo

DSC00909_logo

Mi sono messa ad esplorare google maps, cartine del Camí de Cavalls, insomma, ho fatto parecchia ricerca per capire come raggiungerla, e alla fine, siamo andati per tentativi.

DSC02559_logo

DSC02567_logo

La prima volta abbiamo preso la macchina e seguito fino all’entrata di un cammino privato; a quel punto, anche se le sbarre erano aperte, non volevamo rimanere chiusi per sbaglio; abbiamo parcheggiato e seguito per una buona mezz’ora. Siamo quindi passati proprio dentro le saline. Solo che la strada terminava in una finca con tanto di casa abitata (Mongofra Nou), e, per proseguire il cammino visto su google maps, siamo dovuti passare dentro un campo. Insomma, percorso non proprio ripetibile.

La seconda volta, mi sono imbattuta su internet con il video di Lugares Secretos de Menorca, dove viene spiegato come raggiungere Mongofre. In realtà, non è spiegato tutto benissimo, e ci sono due punti in cui ci si perde facilmente, tanto che alla fine ci abbiamo messo quasi 2 ore. E, una volta in spiaggia, io ho passato tutto il tempo sotto l’ombrellone per proteggermi dalla pioggia, mentre il Pescatore si delettava con un amo e un filo dentro l’acqua (vi meravigliate?).

Insomma, visti i pochi giorni liberi nelle stagioni passate, non avevamo avuto altre occasioni per vedere i colori di Mongofre con il sole di Minorca.

Fino a ieri.

Complici il bel tempo e gli amici venuti a trovarci da Saragozza, con cous cous nella borsa frigo e maglia termica (non si sa mai), siamo partiti in direzione Favàritx.

Uscire dal bosco e intravedere la casetta bianca di Mongofre e la duna di sabbia, è stato un piacere per gli occhi.

Una scultura di legno a forma di ago gigante si erge in mezzo alla spiaggia.

Una giornata splendida, tanto sole, una stella marina, un libro, praticamente soli in spiaggia. Questa è la Minorca che amo.

DSC02569_logo

Se anche voi volete raggiungere quest’angolo di paradiso, qui vi spiego tappa per tappa come arrivarci. Vi consiglio di non fare questa escursione in piena estate, perché a 30/40 gradi, senza ombra, potete rischiare un collasso. Se il tempo è bello, maggio o ottobre sono i mesi migliori. Sono più o meno 3 km, un’ora di cammino.

MapaMongofre

Il punto di partenza è l’inizio del Camí de Cavalls, a 1,9km da Favaritx. Per arrivarci, dalla Carretera Me-7 Mao-Fornells, prendete la strada per Favàritx: sulla sinistra rimane il cartello qui sotto.

DSC02524_logo

DSC02525_logo

Qui seguite i paletti del Camí de Cavalls; al primo cancello, aprite la porta (non prendete il cammino verso sinistra) e proseguite.

DSC02528_logo

Il percorso inizia in salita e la vista da lassù è spettacolare; si riesce perfino a intravedere il faro di Cavalleria.

DSC05092_logo

DSC05093_logo

DSC05095_logo

Dopo una ventina di minuti vi troverete di fronte al mare, a destra avrete Pou d’en Caldés, e in fondo si potrà vedere anche Mongofre.

DSC02534_logo

DSC02535_logo

DSC05094_logo

Il percorso continua in discesa; passerete oltre la casa bianca, sulla passerella di legno. Il cammino riprende in salita e poi discesa (ci sono un paio di colline prima di arrivare a destinazione).

DSC02536_logo

A questo punto il Camí de Cavalls continua a sinistra –è quello che continua verso le Saline di Mongofre-.

DSC02539_logo

Voi dovete, invece, prendere il percorso della destra, abbandonando il Cami de Cavalls:  secondo alcuni siti web, è un percorso privato e bisogna chiedere permesso alla Fundació Rubio Tudorí; sinceramente, io non ho visto nessun cartello. Dopo pochi metri, alla seconda biforcazione, prendete il cammino più a sinistra, passando quindi di fianco ad un pozzo (nella foto) e mantenendolo a destra.

DSC02543_logo

Al seguente bivio, prendete di nuovo la destra.

DSC02544_logo

DSC02547_logo

Poco dopo, il cammino è sbarrato da una “pared seca”, a cui ultimamente è stata aggiunta una rete e filo spinato. A quanto pare il cammino è frequentato da altre persone che hanno deciso di buttare giù la pared seca, permettendo il passaggio. Anche qui, nessun cartello che indichi proprietà privata.

DSC02548_logo

Continuate ed entrerete così nella boscaglia. Qui inizia un sentiero che, più tardi, si biforca continuamente: il mio consiglio? Seguite il rumore del mare e la presenza di sabbia per terra. Di fronte a questo albero, prendete la destra.

DSC02549_logo

Pochi minuti e il bosco si aprirà, dando spazio ad una distesa di sabbia.

DSC02551_logo

DSC02552_logo

L’altra possibilità per raggiungere Mongofre è tramite barca o kayak da Addaia. Ma il percorso a piedi merita di più.

Scheda tecnica

Nome: Sivinar de Mogofre o Platja de Mongofre

Municipio: Mahón

Tipo di spiaggia: vergine

Composizione sabbia: sabbia dorata

Lunghezza: 100 m

Tipo di accesso: a piedi (per il Camí de Cavalls) o via mare

Difficoltà: media

Parcheggio: nessuno (all’inizio del percorso si può parcheggiare lungo la strada)

Servizi: nessuno

Annunci

3 pensieri riguardo “Mongofre”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...