Es Tastet

Sabato sera, per la prima volta dopo tanti anni qui, siamo usciti con amici, tra cui gente di Ciutadella. In un periodo in cui tutti già lavorano, perché la stagione è cominciata da qualche settimana. Ringrazio per questo i miei sabati pomeriggi liberi e orari umani d’ufficio, non più turni dalle 16 a mezzanotte come quando lavoravo in reception.

Lo sottolineo perché a Minorca, in estate, è praticamente impossibile riuscire a vedersi, più che altro trovare un giorno e orario che vada bene a tutti, visti i turni di ciascuno. Il fatto poi di avere amici…beh, ancora più complicato.

In questi ultimi 10 anni, infatti, il concetto di AMICI che avevo conosciuto durante l’infanzia e l’adolescenza si era man mano andato sfumando, una volta lasciato il mio paesino e partita per l’università, tanto da ritrovarmi, in vita adulta, a non poter individuare più gli amici “veri” e gli “amici/conoscenti”.

Ogni volta che partivo per un’esperienza all’estero incontravo nuovi “amici”, persone che condividevano quell’avventura con me -come nel caso di tutti i ragazzi che partecipavano al programma internazionale di un anno a New Orleans– oppure che vivevano nella mia nuova città e lavoravano con me – a Gran Canaria e a Londra – oppure persone che ogni stagione ritornavano a Minorca e rivedevo ogni aprile per i successivi 6 mesi.

In tutti questi casi, si può parlare di amicizia?

Fino a adesso, in questo continuo peregrinare, i miei unici veri amici sono stati il mio Pescatore, mia sorella e mia cugina. Le uniche persone con cui potevo confidarmi, parlare apertamente senza paura di essere giudicata per come sono. Si sono susseguite persone che hanno condiviso esperienze di vita con me, ma che si trovano ora a migliaia di chilometri di distanza e che, ogni tanto, sento su Facebook (unico motivo per cui ho un account personale) ma per il resto, una volta finita l’avventura insieme, ognuno è tornato a “casa” propria (o ha continuato a viaggiare) e l’amicizia è andata svanendo.

Ci sono persone tuttora, qua a Minorca, che vedo ogni tanto, come tutti i miei ex colleghi di Cala Galdana, che vado a salutare ogni settimana in estate, quando mi godo la mia spiaggia preferita nel mio giorno libero. Ma non sono mai uscita con loro per una serata al di fuori del contesto lavorativo. Insomma, con tutta la buona volontà, non sono mai riuscita a creare una rete di amicizie, per quanto piccola, qui nella mia nuova casa.

Ma questo inverno qualcosa è cambiato e persone speciali sono entrate nella nostra vita: sarà che ci siamo praticamente visti tutti i giorni, sarà che ci siamo sentiti partecipi del loro progetto, sarà che sono diventati il nostro appuntamento del sabato sera. Sono stati davvero una cura per l’anima in un momento non facile della nostra nuova vita qui a Minorca e sicuramente uno dei motivi per cui oggi sono felice di essere qui sulla mia isola.

Presto vi racconterò del loro progetto: ma ora torniamo a quello che doveva essere un post culinario!

La serata è stata organizzata dai nostri AMICI per festeggiare tante cose tra cui un prossimo matrimonio, qui a Minorca! Tranquilli, non il mio: per quello mi sa che c’è ancora da aspettare…

In pieni orari spagnoli –aperitivo alle 21:30 e cena dopo un’ora- e in stile minorchino (abbiamo preso la macchina per raggiungere il ristorante in centro a Ciutadella, quando normalmente dista 20 minuti a piedi, cosa giustificata soltanto dalla pioggia londinese che aveva deciso di abbattersi senza pietà sull’isola) abbiamo raggiunto prima Curniola 35 per tapas – prossimo ristorante da provare-, poi ci siamo diretti verso Es Tastet.

es tastet_logo

Il ristorante si trova in Carrer Carnisseria, la piccola via con negozietti, proprio di fianco a Plaza de las Palmeras. Il locale è davvero carino e a noi era stata riservata una sala privata al primo piano. D’estate ci sono anche tavoli fuori nella terrazza.

La cucina è tipicamente mediterranea e il menù propone risotti, carne e pesce alla brace e infinite tapas, nonché le offerte fresche del giorno (a seconda di quello che trovano la mattina stessa al mercato del pesce).

Prezzi corretti: 30€ a persona per antipasto, piatto principale, acqua/vino e dolce. Fanno anche menù a pranzo a €13,90 (lun-ven) /€17,90 (week end) e a cena a 22,90€ a persona.

È stata una serata bellissima, abbiamo davvero riso tanto. Spero di poterla ripetere presto.

Annunci

2 pensieri su “Es Tastet”

  1. brava felice per te fra poco arrivo anche io nella mia isola proprio a Cala Galdana quando sei libera un caffe per incontrarti che ne dici??

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...