Archivi categoria: L’isola che non c’è

Quando Minorca si fa odiare: ovvero 10 buoni motivi per NON trasferirsi a Minorca

Continuo a leggere su internet articoli sui buoni motivi per trasferirsi a Minorca.

Mi spiace deludervi, ma oggi non sono qui ad elencarli.

Da tutti i miei post trapelano i buoni motivi per decidere di vivere su quest’isola. Forse, però, non tutti tengono in considerazione gli aspetti negativi di Minorca, prima di decidere di trasferirsi, e questo porta in loro grande delusione e crisi una volta qui.

Continua a leggere Quando Minorca si fa odiare: ovvero 10 buoni motivi per NON trasferirsi a Minorca

Annunci

L’inverno minorchino: istruzioni per l’uso

fiori a platja gran_logo

 

Li agradarà l’illa. Si sap veure-la!

Una illa remota

 

Così, all’improvviso, è esplosa la primavera sull’isola. Da un giorno all’altro le temperature si sono alzate, il sole ha perso la sua timidezza degli ultimi mesi e i fiori hanno invaso prati, boschi e scogliere. I primi hotel hanno riaperto, visto il ponte di Pasqua, alcuni turisti temerari sono atterrati sull’isola, il cambio dell’ora ha portato un’ora in più di luce, primi picnic in spiaggia e prime grigliate, insomma, se Minorca vuole, finalmente ci lasciamo alle spalle l’inverno.

Continua a leggere L’inverno minorchino: istruzioni per l’uso

Trasferirsi a Minorca: i miei consigli

Atrás quedaba un pasado complejo y, como en una premonición, al frente se abría una magnitud de espacio desnudo que el tiempo se encargaría de ir llenando. ¿Llenando de que? De cosas y afectos. De instantes, sensaciones y personas; llenando de vida.

El tiempo entre costuras

Tempo fa una lettrice mi ha contattata per avere informazioni sulla possibilità di trasferirsi a Minorca con la famiglia e aprire un’attività già avviata in Italia.

La ringrazio tantissimo perché fa sempre piacere avere un riscontro dai propri lettori e, soprattutto, sapere di essere d’aiuto a qualcuno.

Se quindi anche voi state valutando l’idea di lasciare l’Italia (o qualunque Paese in cui vi troviate adesso) e stabilirvi a Minorca, allora continuate a leggere!

Continua a leggere Trasferirsi a Minorca: i miei consigli

Seconda stella a destra..

Dicen que nunca se olvida el momento de arribar al paraiso.

Pasaje a Tahití

Questa è la sesta volta che arrivo a Minorca. La prima, traumatica, nel 2010, con un aereo da Barcellona alle 7 di mattina, in un 1° di maggio indimenticabile.

La seconda, a maggio 2011, con l’Alfa, un viaggio interminabile perché era la prima volta che guidavamo per così tante ore e, per me, la prima in cui avrei preso un traghetto, sfidando il mal di mare. La terza, aprile 2013, questa volta con la mia macchina, preparati con cibo e cd di musica per ingannare il tempo. La quarta, 2014, in aereo da Londra circondati da pensionati inglesi, per la prima volta in vacanza a Minorca a giugno, desiderosi di sole e spiaggia. La quinta, con un aereo con scalo a Barcellona, a gennaio 2015, un po’ pazzi e intenzionati a vedere Minorca d’inverno, per innamorarcene definitivamente oppure odiarla.

Continua a leggere Seconda stella a destra..