Archivi tag: amore

Accidentally in love

“She wasn’t exactly sure when it happened. Or even when it started. All she knew for sure was that right here and now, she was falling hard and she could only pray that he was feeling the same way.”

Nicholas Sparks

IMG-20180302-WA0001_logo

Sono passati quattro mesi da quando sono partita. Da quella mattina del 13 di marzo, di fianco alla fermata dell’autobus a Puerto Viejo, poco dopo aver fatto colazione insieme –tu un panino e io un croissant alla crema-, quando ci siamo salutati con un “hasta pronto”.

Tu diretto al lavoro, di nuovo nella tua routine caribeña, stravolta per un attimo dal mio arrivo.
Io con il mio zaino e otto settimane di pura vida sulle spalle. Con la necessità di tornare alla mia isola, ma allo stesso tempo la voglia di restare accanto a te.

E finalmente oggi sarai tu quello a raggiungermi: tu, per la prima volta in terra minorchina.

Sono partita per un viaggio in solitaria in Costa Rica e sono tornata cambiata, diversa, semplicemente rinata.

Non cercavo il principe azzurro, né ci pensavo, eppure ho incontrato te.

Da un giorno all’altro, all’improvviso, senza volerlo né pianificarlo, mi sono trovata felice, spensierata, allegra, piena di vita e di gioia.

E il motivo di tutto questo sei tu.

Con la tua pelle ebano che profuma a olio di cocco e cacao. Con la tua risata contagiosa, la serenità e l’energia. Con il tuo strambo accento caraibico-giamaicano-costarricense, le R tiche, le parole che non conosco e gli Usted a volontà quando ti rivolgi a me.

Tu che prevedi la pioggia solo dal tuo sudore, tu che passeggiando raccogli frutti e me li fai assaggiare, tu che mi porti cioccolato lavorato a mano.

Tu che mi guardi come se fossi la “cosa más bonita y más rica del mundo”, tu che a tavola ti perdi a parlare e ti dimentichi del cellulare, tu che ordini la tua seconda scelta dal menù – perché la prima coincide sempre con la mia, ma almeno così le proviamo entrambe.

Tu che mi compri dolci italiani per riportarmi il buon umore, tu che mi chiedi se ho mangiato quando mi vedi irritata, tu che nella selva raccogli e mi regali orchidee.

Tu, con il romanticismo quanto basta, la tua necessità di proteggermi e la tua capacità di farmi sentire speciale, sempre. Con i tuoi progetti e i mille sogni nel cassetto. Con la tua umiltà, la semplicità di ogni giorno, la naturalezza con cui affronti tutto, senza preoccupazioni per il domani. Con le tue usanze strane, il sapere indigeno, la medicina bribri e la conoscenza enciclopedica di piante e animali autoctoni.

Con la tua capacità di stupirti come un bambino davanti alla natura, proprio come me.

Tu che mi chiami “la mia ragazza” e mi abbracci forte appena tornato dal lavoro.

Tu che mi parli di bambini e case con il giardino, nella giungla del Caribe e nell’isola del Mediterraneo, e intanto ti s’illuminano gli occhi. Tu che sempre dici di essere felice, e con me ancora di più.

Ecco, se ancora te lo chiedessi…simplemente por todos estos motivos, te quiero.

Annunci

Essere donna, single, a 30 anni (e a Minorca)

 

Il principe azzurro arriva quando si è impegnate a essere felici.

Cit.

bacio_logo

Ormai è un dato di fatto. Sono single da qualche mese (anche se la maggior parte della mia famiglia ne è all’oscuro – il bello di vivere all’estero e di usare uno pseudonimo) e dovrei essere la donna più felice di questo mondo. Continua a leggere Essere donna, single, a 30 anni (e a Minorca)