Edinburgo: il cuore della Scozia in 3 giorni

img_20181223_145254_logo

Erano anni che volevo visitare Edinburgo, credo da quando iniziai a studiare inglese alle scuole medie e, nelle varie letture dei libri scolastici, si faceva riferimento alla capitale della Scozia.

Continua a leggere Edinburgo: il cuore della Scozia in 3 giorni

Annunci

Comprare casa a Minorca

Nel post precedente ho parlato della mia esperienza di acquisto casa in terra minorchina. Se anche voi avete intenzione di comprare casa qui a Minorca, di seguito vi riporto i passi necessari con i relativi tempi.

Nota bene: questi si basano soltanto sulla mia esperienza personale.

Continua a leggere Comprare casa a Minorca

Quando un sogno diventa realtà

IMG_20180603_211038

E’ proprio la possibilità di realizzare un sogno che rende la vita interessante.

Paulo Coelho

Erano circa tre anni che cercavo casa a Minorca. Ero stanca di pagare affitti –mi sembrava di buttare soldi ogni mese – e di non poter decorare o comprare oggetti e mobili per qualcosa di mio.

Quando mi ero trasferita stabilmente sull’isola a febbraio del 2015, avevo già deciso di voler restare a Minorca tutto l’anno, idealmente lavorando per la stagione e poi viaggiando in inverno.

Continua a leggere Quando un sogno diventa realtà

Cambiamenti nell’aria

 

Tutti i grandi cambiamenti sono preceduti dal caos.

Deepak Chopra

 

La partenza non è stata per niente come me l’avevo immaginata.

Gli ultimi giorni sull’isola sono stati incredibili, nel vero senso della parola.

Un “tornado” ha deciso di colpire una delle antenne che portano l’elettricità verso la parte occidentale di Minorca (da Alaior a Ciutadella) e siamo rimasti completamente scollegati dal resto del mondo.

Continua a leggere Cambiamenti nell’aria

A presto, Minorca

Quien está acostumbrado a viajar sabe que siempre es necesario partir un día.

Paulo Coelho

Mancano 20 giorni alla partenza e non mi sembra ancora vero: la stagione è volata, come sempre, io sono stata occupata al 100% sul lavoro e sulla mia vita sentimentale – al punto da non pubblicare post da luglio e da mettere da parte lo yoga – e l’inverno è praticamente arrivato sull’isola, tanto che sono tornata pallida e sto già manifestando i primi sintomi di influenza.  Continua a leggere A presto, Minorca

Accidentally in love

“She wasn’t exactly sure when it happened. Or even when it started. All she knew for sure was that right here and now, she was falling hard and she could only pray that he was feeling the same way.”

Nicholas Sparks

IMG-20180302-WA0001_logo

Sono passati quattro mesi da quando sono partita. Da quella mattina del 13 di marzo, di fianco alla fermata dell’autobus a Puerto Viejo, poco dopo aver fatto colazione insieme –tu un panino e io un croissant alla crema-, quando ci siamo salutati con un “hasta pronto”.

Continua a leggere Accidentally in love

COSTA RICA: immagini di Pura Vida

Acababa de decidir que se quedaría. Que apostaba por la vida y sus riesgos, por no dar nunca marcha atrás, por seguir preparada y disponible para lo que quisiera un destino cargado de emociones. Y sintió un escalofrío. Y una sensación de libertad, porque allí, en aquel momento, se acabaron sus dudas. Iba a sentir la pura vida. Y a jugársela por ella.

Pura Vida, José Maria Mendiluce

Di ritorno alla mia isola-che-non-c’è dopo questo viaggio di due mesi in Costa Rica, in molti mi hanno chiesto qual è stato il luogo più bello.

Continua a leggere COSTA RICA: immagini di Pura Vida

Costa Rica: avventure in terra tica

Quiero vivir, Nuria, y no sé si te lo expreso bien. Vivir y sentir todo lo que sé que me he perdido en los lugares conocidos, rodeada de mimos u de confort traicionero, apalancante y sedante para las emociones.

Pura Vida, José María Mendiluce

Dopo l’avventura in Australia, pensavo di aver toccato quasi il limite. Eppure, non avevo proprio idea di che cosa mi aspettasse in Costa Rica, soprattutto in zona Caraibi. Altro che shock culturale!

Nelle mie prime settimane a Playa Chiquita sono finita in un ostello a fare da volontaria. Mi alzavo alle 5:30 di mattina (e poi successivamente alle 3 per lavorare in panetteria!), dormendo a malapena -visto il jet lag e la scomodità dei letti. Le condizioni igieniche dell’ostello erano pessime: la cucina che usavo era visitata spesso da insetti ed animali vari (topi inclusi – d’altra parte ero letteralmente in mezzo alla giungla), gli strofinacci e gli zerbini non venivano cambiati mai, come pure le lenzuola e gli asciugamani dei volontari.

Continua a leggere Costa Rica: avventure in terra tica

Il paradiso esiste davvero