Tutti gli articoli di alice

Sognatrice, viaggiatrice, blogger agli esordi, racconto le mie avventure in terra minorchina. Forse il paradiso è più vicino di quanto si immagini.

Accidentally in love

“She wasn’t exactly sure when it happened. Or even when it started. All she knew for sure was that right here and now, she was falling hard and she could only pray that he was feeling the same way.”

Nicholas Sparks

IMG-20180302-WA0001_logo

Sono passati quattro mesi da quando sono partita. Da quella mattina del 13 di marzo, di fianco alla fermata dell’autobus a Puerto Viejo, poco dopo aver fatto colazione insieme –tu un panino e io un croissant alla crema-, quando ci siamo salutati con un “hasta pronto”.

Tu diretto al lavoro, di nuovo nella tua routine caribeña, stravolta per un attimo dal mio arrivo.
Io con il mio zaino e otto settimane di pura vida sulle spalle. Con la necessità di tornare alla mia isola, ma allo stesso tempo la voglia di restare accanto a te.

E finalmente oggi sarai tu quello a raggiungermi: tu, per la prima volta in terra minorchina.

Sono partita per un viaggio in solitaria in Costa Rica e sono tornata cambiata, diversa, semplicemente rinata.

Non cercavo il principe azzurro, né ci pensavo, eppure ho incontrato te.

Da un giorno all’altro, all’improvviso, senza volerlo né pianificarlo, mi sono trovata felice, spensierata, allegra, piena di vita e di gioia.

E il motivo di tutto questo sei tu.

Con la tua pelle ebano che profuma a olio di cocco e cacao. Con la tua risata contagiosa, la serenità e l’energia. Con il tuo strambo accento caraibico-giamaicano-costarricense, le R tiche, le parole che non conosco e gli Usted a volontà quando ti rivolgi a me.

Tu che prevedi la pioggia solo dal tuo sudore, tu che passeggiando raccogli frutti e me li fai assaggiare, tu che mi porti cioccolato lavorato a mano.

Tu che mi guardi come se fossi la “cosa más bonita y más rica del mundo”, tu che a tavola ti perdi a parlare e ti dimentichi del cellulare, tu che ordini la tua seconda scelta dal menù – perché la prima coincide sempre con la mia, ma almeno così le proviamo entrambe.

Tu che mi compri dolci italiani per riportarmi il buon umore, tu che mi chiedi se ho mangiato quando mi vedi irritata, tu che nella selva raccogli e mi regali orchidee.

Tu, con il romanticismo quanto basta, la tua necessità di proteggermi e la tua capacità di farmi sentire speciale, sempre. Con i tuoi progetti e i mille sogni nel cassetto. Con la tua umiltà, la semplicità di ogni giorno, la naturalezza con cui affronti tutto, senza preoccupazioni per il domani. Con le tue usanze strane, il sapere indigeno, la medicina bribri e la conoscenza enciclopedica di piante e animali autoctoni.

Con la tua capacità di stupirti come un bambino davanti alla natura, proprio come me.

Tu che mi chiami “la mia ragazza” e mi abbracci forte appena tornato dal lavoro.

Tu che mi parli di bambini e case con il giardino, nella giungla del Caribe e nell’isola del Mediterraneo, e intanto ti s’illuminano gli occhi. Tu che sempre dici di essere felice, e con me ancora di più.

Ecco, se ancora te lo chiedessi…simplemente por todos estos motivos, te quiero.

Annunci

COSTA RICA: immagini di Pura Vida

Acababa de decidir que se quedaría. Que apostaba por la vida y sus riesgos, por no dar nunca marcha atrás, por seguir preparada y disponible para lo que quisiera un destino cargado de emociones. Y sintió un escalofrío. Y una sensación de libertad, porque allí, en aquel momento, se acabaron sus dudas. Iba a sentir la pura vida. Y a jugársela por ella.

Pura Vida, José Maria Mendiluce

Di ritorno alla mia isola-che-non-c’è dopo questo viaggio di due mesi in Costa Rica, in molti mi hanno chiesto qual è stato il luogo più bello.

Continua a leggere COSTA RICA: immagini di Pura Vida

COSTA RICA: riflessioni di un viaggio oltreoceano

Se sei abbastanza coraggioso da lasciarti dietro tutto ciò che è familiare e confortevole, e che può essere qualunque cosa, dalla tua casa ai vecchi rancori, e partire per un viaggio alla ricerca della verità, sia esteriore che interiore; se sei veramente intenzionato a considerare tutto quello che ti capita durante questo viaggio come un indizio; se accetti tutti quelli che incontri, strada facendo, come insegnanti; e se sei preparato soprattutto ad accettare alcune realtà di te stesso veramente scomode, allora la verità non ti sarà preclusa.

Elizabeth Gilbert, Mangia Prega Ama

A tre mesi di ritorno dalla Costa Rica, ho avuto modo di riflettere tanto su quello che mi è accaduto durante quelle otto settimane oltreoceano.

Continua a leggere COSTA RICA: riflessioni di un viaggio oltreoceano

Vita caraibica – quello che le foto non dicono

Si scorge sempre il cammino migliore da seguire, ma si sceglie di percorrere solo quello a cui si è abituati.
Paulo Coelho

 

Sono le ore 5:30. La luce mi abbaglia, insinuandosi tra una maglietta e l’altra, appese nel tentativo di dare un po’ di privacy alla stanza, vista la mancanza di vetri alle finestre. Riconosco il canto del yiguirro, il primo uccello a cinguettare alla mattina: richiama la pioggia.

Per il resto silenzio completo. Se non qualche scimmietta urlatrice in lontananza. E le onde del mare.

Continua a leggere Vita caraibica – quello che le foto non dicono

Costa Rica: avventure in terra tica

Sembra sempre impossibile fino a quando non viene fatto.
Nelson Mandela

Dopo l’avventura in Australia, pensavo di aver toccato quasi il limite. Eppure, non avevo proprio idea di che cosa mi aspettasse in Costa Rica, soprattutto in zona Caraibi. Altro che shock culturale!

Nelle mie prime settimane a Playa Chiquita sono finita in un ostello a fare da volontaria. Mi alzavo alle 5:30 di mattina (e poi successivamente alle 3 per lavorare in panetteria!), dormendo a malapena -visto il jet lag e la scomodità dei letti. Le condizioni igieniche dell’ostello erano pessime: la cucina che usavo era visitata spesso da insetti ed animali vari (topi inclusi – d’altra parte ero letteralmente in mezzo alla giungla), gli strofinacci e gli zerbini non venivano cambiati mai, come pure le lenzuola e gli asciugamani dei volontari.

Continua a leggere Costa Rica: avventure in terra tica

Costa Rica: consigli per organizzare il viaggio

L’idea di un viaggio in Costa Rica è nata un po’ per caso. Era agosto, in piena estate minorchina e tutti i colleghi, già provati dalla stagione, iniziavano a condividere programmi per l’inverno. Io non avevo ancora pensato a dove andare, a parte la breve tappa in Italia per le feste natalizie, ma era da vari anni che mi girava in testa l’idea di fare volontariato.

Continua a leggere Costa Rica: consigli per organizzare il viaggio

Non è solo un lavoro estivo

A scuola mi domandarono cosa volessi essere da grande.
Io scrissi “Essere felice”.
Mi dissero che non avevo capito il compito,
e io risposi che loro non avevano capito la vita.

John Lennon

Quando mi chiedono che lavoro faccio, qui a Minorca, ed io rispondo “lavoro nel turismo” o “ho un lavoro stagionale”, la gente pensa sempre ad un hotel o a un ristorante. “Cameriera?”, “Reception?”

No, questo lo facevo 10 anni fa (precisiamo, non la cameriera – non sono in grado di portare un vassoio, inciampo con niente e non ricordo le comande).

Continua a leggere Non è solo un lavoro estivo

La mia estate minorchina

Un giorno Alice arrivò ad un bivio sulla strada e vide lo Stregatto sull’albero.
– “Che strada devo prendere?” chiese.
La risposta fu una domanda:
– “Dove vuoi andare?”
– “Non lo so”, rispose Alice.
– “Allora, – disse lo Stregatto – non ha importanza”.

Le Avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie

llaut_logo

Dopo ben 7 mesi ininterrotti di lavoro, disponibilità 24 ore su 24, stress alle stelle e ore straordinarie a volontà, ufficialmente sono ormai IN FERIE!!!

Continua a leggere La mia estate minorchina