WikiMenorca

A la fi, en mig d’una ampla taca blava que representava l’aigua, entre les terres de València i Barcelona i les grans extensions d’una gran illa de nom Sardenya, va aparèixer un puntet verd i bru, amb un rètol petit on podia llegir-se aqell desconegut nom: Menorca.

Una illa remota

 

WikiMenorca…

…ovvero, le informazioni utili per turisti (e non solo!)

 

Come raggiungere Minorca

Qui vi spiego le alternative che avete per raggiungere l’isola: compagnie e prezzi, per farvi un’idea.

 

Le zone dove alloggiare

Le cosiddette urbanizzazioni o resort sono le zone turistiche di Minorca, quelle che, per intenderci, riuniscono gli hotel, appartamenti e villette, ristoranti e bar per turisti, che d’inverno vengono abbandonate. Ve ne riporto un elenco, soffermandomi su quelle che conosco bene:

  • Cala Galdana: perfetta per chi ha bambini, vista la spiaggia grande, è anche in un’ottima posizione per esplorare l’isola se si ha intenzione di noleggiare un’auto. E’ molto animata, anche la sera, con spettacoli gratuiti in vari hotel e un “centro” con negozietti, bar e ristoranti. Attenzione alla location esatta dell’alloggio, perché alcune ville o hotel potrebbero trovarsi sulla cima della collinetta, e questo vuol dire una buona camminata di 15 minuti in discesa (e poi bella salita!) per raggiungere la spiaggia.
  • Cala Blanca, Cala Santandria, Sa Caleta: a 5 minuti in auto da Ciutadella, sono urbanizzazioni davvero tranquille, poco animate la sera, se non per un pub irlandese (a Cala Blanca) e un bar di fianco alla spiaggia di Cala Blanca. Va bene se cercate isolamento o tranquillità totale.
  • Cala’n Bosch/Cap d’Artrutx/Son Xoriguer: è l’urbanizzazione più grande di Minorca, quella con la maggiore concentrazione di hotel. E’ molto gettonata da inglesi, tedeschi e italiani. A parte la posizione un po’ scomoda per esplorare l’isola (ogni volta dovete arrivare prima a Ciutadella, poi prendere la strada principale per raggiungere ogni angolo, questo vuole dire 1 ora di macchina fino a Mahón e dintorni), è una delle zone più animate di giorno e di sera, dove troverete sempre qualcosa da fare. Le due spiagge non sono molto grandi.
  • Cala’n Blanes (Cala’n Forcat, Cala’n Brut, Cales Piques): è il resort degli inglesi per eccellenza. Anche qui, fate attenzione alla zona, perché potete sempre capitare fuori dal centro (la via Avenida de los Delfines, un susseguirsi di bar e ristoranti) e trovare locali abbandonati o zone solo residenziali. L’animazione serale, soprattutto per inglesi, è amplissima. Le spiagge, a parte Cala’n Blanes, sono di sassi o piattaforme e piccole, ottime per i tuffi, ma non proprio per stendersi con telo in tranquillità.
  • Santo Tomás: è una spiaggia perfetta per i bambini, addirittura se proseguite a piedi fino a Binigaus troverete l’acqua pulitissima anche in piena stagione. Il resort è piccolo, ma offre di tutto ed è comodo per raggiungere le altre spiagge in macchina (attenzione alla strada per arrivarci, piena di curve pericolose).
  • Son Bou: un’altra urbanizzazione gettonata da italiani, inglesi e tedeschi, per la spiaggia più lunga dell’isola. Ci sono vari locali, animazione serale, bar e ristoranti.
  • Platges de Fornells (Cala Tirant): una delle rare urbanizzazioni del nord di Minorca, a mio parere molto spoglia e finta, purtroppo abbastanza isolata (in tema trasporti); a quanto pare, gli italiani vengono spediti spesso lì dalle agenzie viaggi e rimangono un po’ delusi..ecco, non è proprio la zona più bella di Minorca (sempre mia opinione personale)
  • Cala’n Porter
  • Arenal den Castell
  • S’Algar
  • Punta Prima
  • Binibeca

 

Dove mangiare

Questi sono i ristoranti che ho recensito perché ho provato personalmente e sono rimasta colpita positivamente oppure semplicemente sono quelli che consiglierei:

Ca’n Lluis, Ciutadella

Es Tastet, Ciutadella

Es Molí des Comte, Ciutadella

La Cayena, Ciutadella

Cas Ferrer de Sa Font, Ciutadella

Es Barranc, Cala Galdana

Sa Figuera, Ciutadella

El Hogar del Pollo, Ciutadella

Es Tast de Na Silvia, Ciutadella

Fang i Aram, Ciutadella

S’Amarador, Ciutadella

 

Ho voglia di…:

Vacanze: La vacanza perfetta a Minorca

Spiagge per bambini: A Minorca in famiglia

Piccoli angoli di paradiso: Le spiagge vergini di Minorca

Scoprire Minorca: itinerario alternativo (zona ovest); itinerario alternativo (zona centrale); itinerario alternativo (zona est)

Il paradiso esiste davvero

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: